Registrati | Persa la password?
Sabato 15 dicembre 2018, S. Paola di Rosa

Eventi del 26 9 2015


Sabato 26 settembre 2015
Presentazione libro "Madri di guerra"
Chiavari
Prima presentazione del volume "Madri di guerra, Lettere a Natalia" alla Società Economica chiavarese. Trattasi d’una Antologia commentata di lettere scritte prevalentemente da madri, spose o altri famigli coinvolti personalmente negli eventi conseguenti all’affermarsi del movimento di Resistenza in Italia dal 1943 al 1945. Insieme agli autori - Vittorio Civietella ed Elvira Landò - ne parleranno Egidio Banti,Francesco Brunetti e Roberto Pettinaroli.
Garibaldi in ta valle di seu veggi
Chiavari
La compagnia teatrale I Ruspanti presenta la commedia dialettale in tre atti di Marisa Persico & Rinaldo Rocca, sabato 26 settembre alle 21. Regia di Rinaldo Rocca. I personaggi: Giuseppe Garibaldi(Stefano Chiesa, Anita Ribeiro da Silva (Franca Cassol), Bertumé Puccio (Gino Guerrieri), Giulin Garibaldi du Mingu (Davide Garibaldi), Catainin (Gianna Parma), Agostina (Michela Bucci), Giulin Garibaldi du Giuan (Manuel Bucci), Narratrice e Rosa (Antonietta Belloglio), Gigia (Cristina Rivara), Marinin (Giuseppina Canepa), Tescia (Irene Podestà), Arbin-na (Paola Bonino), Carlotta (Lucia Garibaldi), Prae Rafelin (Gianpaolo Caffese).
Sagra dello stoccafisso
Moconesi
Sabato 26 e domenica 27 settembre a Gattorna di Moconesi: dalle ore 19.30 stands gastronomici, serate danzanti con: 26 "Gigi Chiappin", 27 "Cerri band".
Festa di Sant'Antonio
Rapallo
A Michele di Pagana, festa di San Michele da venerdì 25 a domenica 27 settembre, con spettacolo pirotecnico, stand gastronomici e danze.
“Intra Siestri e Chiavari s’adima una fiumana bella”
Chiavari
ore 10 - Una giornata di studi dedicata all’annoso dilemma: Dante parla di Sestri Levante o di Siestri di Neirone? La soluzione del secolare dilemma sarà svelata dalla prof Paola Manni, vice presidente dell'Accademia della Crusca di Firenze e docente di Filologia Italiana all’Università di Firenze, in occasione del 750simo anniversario della nascita di Dante Alighieri. Durante il convegno saranno esposte antiche edizioni della Divina Commedia di proprietà della Società Economica di Chiavari. La mostra resterà aperta sino al 3 ottobre, tutte le mattine (tranne la domenica), dalle 9 alle 12.
Scuola di Naturopatia open day
Chiavari
Scuola di Naturopatia open day
Se vuoi tutte le informazioni sul nuovo anno scolastico della Scuola di Naturopatia emergere e sui diplomi professionali che puoi ottenere, vieni a trovarci all'open day sabato 26 Settembre 2015 dalle 9.30 alle 18.30 nella sede della Scuola
Sibelius Festival - Golfo del Tigullio
Rapallo, Santa Margherita Ligure, Recco
Sibelius Festival - Golfo del Tigullio
Il primo festival in Liguria dedicato al celebre compositore finlandese che soggiornò a Rapallo nel 1901. In occasione del 150° anniversario della sua nascita, Rapallo, Santa Margherita Ligure e Recco celebrano Jean Sibelius con una serie di concerti incentrati sul repertorio nord-europeo. Cinque giorni (dall'8 al 12 ottobre) di conferenze (8, 9 ottobre) concerti di musica da camera (9, 10, 11, 12) e con orchestra (11). Introduce la stagione l'incontro del 26 settembre dedicato alla vicenda umana e compositiva di Jean Sibelius e tenuto da Federico Ermirio. A partire dall'8 ottobre il festival ospiterà artisti internazionali e italiani di grande rilievo. Appuntamento da non perdere l'11 ottobre con l'Orchestra G. B. Polledro di Torino, che eseguirà pagine suggestive di Sibelius, Elgar e Hamerik, e ancora il 10 (e in replica il 12) lo straordinario New Helsinki Quartet direttamente dalla capitale finlandese. Tutte le manifestazioni sono a ingresso libero. Per informazioni visitate il sito, le pagine social o inviate una mail a: sibeliusfestival@gmail.com
La Sagra dei Battolli
Uscio
La Sagra dei Battolli
Dopo il rinvio a causa dell'allerta meteo 2, sabato 26 Settembre 2015 ad Uscio (Ge), dalle 19.30 presso il campo sportivo, la locale Pro Loco, presieduta dall'infaticabile Bruna Terrile organizzerà, con il patrocinio del Comune di Uscio, l’ormai tradizionale Sagra dei Battolli. La manifestazione è inserita nell'ambito dell'evento "Uscio, gh'ea 'na votta in paise : i giovani di ieri incontrano quelli di oggi". Sarà questa la giornata nella quale si potranno gustare i "battolli di Uscio" conditi col pesto. Trattasi di una pasta fatta in casa nella quale alla normale farina bianca viene aggiunta la farina di castagne, un tempo alimento principale di queste zone. Stands gastronomici aperti alle 19.30. Non mancheranno, inoltre, i “Maronsini”, pasticcini secchi tipicidi Uscio recentemente riscoperti dai buongustai. In piazza della Resistenza verrà consegnato anche il premio "Edera d'oro” alla persona più anziana del paese e saranno proprio i più giovani a farlo: in quest’occasione i ragazzi si premureranno anche di fare una ricerca sugli avvenimenti, usi e costumi relativi all'anno di nascita della persona premiata. Inoltre, come ormai da qualche anno, sarà consegnato anche il premio "Cicogna d'oro" all'ultimo nato, «in modo da rendere ancora più evidente il passaggio del testimone tra generazioni e preservare così il patrimonio di tradizioni e cultura», sottolinea Bruna Terrile. La manifestazione di quest’anno è finalizzata ad aiutare la Croce Rossa. Per ulteriori informazioni contattare: Pro Loco Uscio telefono 0185-91101, mail prolocouscio@libero.it o consultare il sito www.prolocouscio.it I BATTOLLI DI USCIO I "battolli" sono uno dei più antichi piatti della tradizione uscense. Per comprendere chiaramente il perché e la storia della nascita dei battolli, bisogna conoscere il territorio dove gli stessi si consumano. Il territorio di Uscio è prettamente collinare e coltivato nei secoli scorsi a grano, granoturco e "nauin", rapa bianca originariamente utilizzata per l'alimentazione del bestiame. Altra risorsa tipica del passato erano le castagne. Questi elementi erano la ricchezza essenziale del paese. Le famiglie trasformavano il grano in farina bianca da utilizzare per il pane e la pasta, macinavano le castagne essicate producevano la farina di castagna, destinata ad integrare l'uso della farina di grano. Le massaie, con l'impasto delle due farine, producevano la "pasta matta" che era la base principale di quasi tutti i piatti locali (trofie, focaccia, picagge, battolli). Per esaltare il sapore della pasta, rigorosamente condita col pesto, venivano conditi insieme i "nauin" e si dava così origine ad un piatto dal sapore veramente speciale.
Indietro



© 2003-2012 Non Solo Tigullio 01782750994 - Il Tigullio dalla @ alla Zeta - Web Design RWD - Leggi il Disclaimer
Chi naviga su questo sito lo fa a proprio rischio e pericolo