Registrati | Persa la password?
Venerdì 14 dicembre 2018, S. Giovanni della Croce

Eventi del 18 1 2004


Domenica 18 gennaio 2004
Concerto reggae con gli Hempcake
Temossi
Hempcake in concerto, gruppo di cinque elementi che alternano Cover e pezzi propri in stie Reggae!
Concerto con Pianoforte ed archi
Rapallo
Concerto con Pianoforte ed archi
Per la serie 'Pomeriggi in musica', concerto benefico di pianoforte ed archi con musiche di Beethoven, Schumann e Brahms Stefano Pagliani - violino Demetrio Comuzzi - viola Claudio Marini - violoncello Marco Vincenzi - pianoforte Programma L. van Beethoven Duetto in mi bem. magg. WoO32 (1770-1827) per viola e violoncello - allegro ma non troppo J. Brahms Sonata n. 3 in re min. op. 108 (1833-1897) per violino e pianoforte - allegro - adagio - un poco presto e con sentimento - presto agitato *** R. Schumann Quartetto in bi bem. magg. op. 47 (1810-1854) per pianoforte e archi - sostenuto assai – Allegro ma non troppo - scherzo (molto vivace) - andante cantabile - finale (vivace) Il ricavato del concerto sarà devoluto all’Associazione Italiana per la lotta al NeuroBlastoma presso l’Istituto “G. Gaslini” di Genova Biografie... MARCO VINCENZI Genovese, si è diplomato in pianoforte col massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio della sua città, vincendo il premio per il miglior diploma dell’anno. In seguito ha studiato con Maria Tipo al Conservatorio Superiore di Ginevra, ottenendo il Prix de Virtuosité nel 1986; nello stesso anno si è diplomato in composizione e laureato in lettere moderne col massimo dei voti e la lode, discutendo una tesi su Dinu Lipatti (con la quale ha conseguito il Premio di Musicologia della Fondazione Lipatti di Bucarest). Svolge attività nei principali centri italiani, in Austria, Francia, Germania, Gran Bretagna, Olanda, Romania e Svizzera, tenendo récitals e concerti con orchestra in alcune fra le più prestigiose sale europee (Teatro della Pergola di Firenze, Carlo Felice di Genova, Manzoni di Milano, Regio di Parma, Olimpico di Vicenza, Radio France di Parigi, Alte Oper di Francoforte, Diligentia dell’Aja, Casino di Berna, Palazzo dei Congressi di Lugano). Ha preso parte a numerose esecuzioni integrali dell’opera pianistica di Chopin, delle Sonate di Beethoven, delle Sonate e dei Concerti di Mozart. In Italia è invitato come solista da enti prestigiosi, fra cui l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, l'Orchestra di Padova e del Veneto, l'Orchestra Sinfonica di Sanremo, la Camerata Strumentale di Prato, l'Istituzione Sinfonica Abruzzese; con l'Orchestra di Roma e del Lazio diretta da Lu Jia ha inaugurato la Festa Europea della Musica 2002, eseguendo con grande successo il Terzo Concerto di Beethoven in Piazza del Campidoglio. CLAUDIO MARINI Nato nel 1968 a Philadelphia, ha iniziato i suoi studi a Fermo e li ha proseguiti e completati a Venezia dove ha conseguito il diploma di violoncello presso il Conservatorio di Venezia con Adriano Vendramelli. Per quattro anni ha frequentato presso la Fondazione Romanini di Brescia i corsi svolti da Antonio Janigro e Mario Brunello. Nel 1990 si è trasferito a San Pietroburgo dove ha frequentato presso il Conservatorio "Rimsky-Korsakov" le classi di violoncello, di musica da camera e di armonia e contrappunto. Nel 1994 si è recato a Berlino dove ha conseguito il Konzertdiplom presso la Hochschule der Kuenste. Ha fatto parte del S. Petersburg Trio e del S. Petersburg Cello Ensemble. Si è inoltre esibito come solista e con diverse formazioni da camera in vari paesi europei. Dal 1995 al 1997 ha fatto parte dell'Orchestra dell'Opera Fiamminga di Anversa, mentre dal 1998 al 1999 ha collaborato con l'Orchestra della Radio di Berlino. In Italia ha collaborato come primo violoncello con il Teatro la Fenice di Venezia e l'Orchestra Toscanini di Parma, il Teatro Bellini di Catania, la Filarmonica Marchigiana e l'Orchestra Verdi di Milano. Dal 2000 è docente di violoncello presso il Conservatorio di Trapani e insegna presso l'Accademia Hipponiana di Reggio Calabria. DEMETRIO COMUZZI Ha iniziato lo studio della viola con Luigi Alberto Bianchi al Conservatorio di Milano, dedicandosi prestissimo all'attività cameristica. Ha sempre meritato riconoscimenti e borse di studio: diplomi di merito e d'onore all'Accademia Chigiana di Siena, Premio Guido Monaco, Premio Peterlongo e Primo Premio al Concorso Internazionale Vittorio Gui nel 1980, Primo Premio al Concorso Internazionale di Quartetto d'archi a Roma nel 1981. Sotto la guida di Piero Farulli si è diplomato a Torino nel 1981 con il massimo dei voti. Si è poi perfezionato con Riccardo Brengola a Siena e Roma e con Dino Asciolla a Città di Castello e all'Accademia di Santa Cecilia. È stato prescelto quale musicista in residenza (1983-85) presso la Scuola Normale Superiore di Pisa. Negli stessi anni è stato chiamato a far parte dei Solisti Veneti con il quale si è esibito da solista nei maggiori teatri italiani ed europei ed effettuato decine di registrazioni discografiche. Dal 1985 è il violista del Nuovo Quartetto Italiano: numerosi i riconoscimenti ufficiali quali la medaglia del Presidente della Repubblica per l'anno europeo della musica nel 1986 e una borsa di studio per meriti artistici quale migliore complesso italiano. Dal 1987 si esibisce in quartetto nelle sale più prestigiose (New York, Madrid, Tokyo, Mosca), dedicandosi alla riscoperta della musica strumentale italiana del Novecento. Dal 1994 è invitato regolarmente a partecipare alle tournées mondiali della Filarmonica della Scala. Ha tenuto corsi di perfezionamento per Asolo Musica, la Scuola di perfezionamento di Saluzzo e gli Incontri Musicali di Gerace; attualmente insegna presso il Conservatorio di Trapani. STEFANO PAGLIANI Primo violino solista dell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano e dell’omonima Orchestra Filarmonica dal 1990 al 2000, Stefano Pagliani è presente nelle incisioni Sony Classical ed EMI effettuate dal Teatro, in particolare come solista ne La strada di Nino Rota e I Lombardi alla Prima Crociata di Verdi, dirette da Riccardo Muti. Ha inoltre inciso per EMI (Vivaldi, Pergolesi), Arcadia, Agorà, Dynamic, Tactus, Fonit Cetra (integrale delle Sonate di Brahms e Schumann, integrale dei Trii d’archi di Beethoven, Ottetto op. 20 di Mendelssohn, Gran Duo concertante di Bottesini, Estro armonico e Quattro Stagioni di Vivaldi). Ha fondato, concertato e diretto: il Trio d’archi della Scala, i Virtuosi Italiani e i Solisti della Scala. Ospite dei più importanti Festival internazionali, nel 1999-2000 ha suonato in Sud America, Canada e Nord America. Dal 1998 ha intrapreso la carriera di direttore d’orchestra; come tale è stato invitato da importanti istituzioni musicali, quali Accademia Filarmonica della Scala, Nuova Scarlatti di Napoli, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, i Solisti della Scala, i Virtuosi Italiani. Negli anni ha maturato una grande esperienza artistico-musicale meritandosi l’apprezzamento e la stima di grandi direttori d’orchestra (Karajan, Abbado, Mehta, Sawallish, Maazel, Sinopoli, Chung, Gergiev, Muti). Testimonianza di tale stima sono stati i diversi inviti da parte di Riccardo Muti a sostituirlo, durante alcune sue momentanee assenze, alla guida della Filarmonica della Scala e da parte di Giuseppe Sinopoli, che lo ha invitato nel dicembre 2000 a curare la preparazione dell’Orchestra Sinfonica Venezuelana. Suona un violino G. B. Guadagnini del 1780 e un violino Montagnana del 1750 (su gentile concessione della Fondazione “Il Canale”).
Visita all'Abbazia della Cervara
S. Margherita
Visita guidate all’Abbazia della Cervara: si effettuano tutto l’anno da marzo a ottobre ogni prima e terza domenica del mese su prenotazione obbligatoria costo € 9.00 per informazioni e prenotazioni numero verde 800 652 110
Indietro



© 2003-2012 Non Solo Tigullio 01782750994 - Il Tigullio dalla @ alla Zeta - Web Design RWD - Leggi il Disclaimer
Chi naviga su questo sito lo fa a proprio rischio e pericolo