Registrati | Persa la password?
Martedì 11 dicembre 2018, S. Damaso I

Eventi del 03 4 2007


Martedì 3 aprile 2007
Seminario sul linguaggio mediatico
Rapallo
Immagine e Realtà: seminario sul linguaggio mediatico docente responsabile Roberto Verace Il linguaggio videografico: la messa in scena a-temporale della realtà ore 16.00 Cinema Grifone o Salone Consiliare a cura dell’Accademia Estetica Internazionale per informazioni Piazza delle Nazioni, 4 recapiti comunali tel. 0185-6801 eventi@comune.rapallo.ge.it
Teatro : L’ultima Cena
Moneglia
L’ultima Cena: sacra rappresentazione del dipinto di Luca Cambiaso a cura del Gruppo Artistico Teatrale di Moneglia ore 20.30 Chiostro di San Giorgio
Sogno di una notte di mezza Estate
Rapallo
Sogno di una notte di mezza Estate
Come ogni anno va in scena il gruppo degli Allievi che hanno terminato il percorso formativo biennale organizzato dal Liceo "Da Vigo". Considerato il successo di un anno fa con le Comari di Windsor, si è deciso per un altro testo di Shakespeare: "A midsummer night's dream" è tuttora una delle commedie più riuscite e rappresentate del Bardo, in quanto il testo altamente fantasioso e onirico dà adito a tantissimi sbocchi interpretativi, proiettando lo spettatore in un mondo popolato da creature del bosco quali fate, folletti e spiriti. C'è una doppia coppia di innamorati, per così dire, sbilanciati. Demetrio si è stancato di Elena e incapricciato di Ermia. Ma Ermia e Lisandro si amano, e fuggono. Elena li denuncia a Demetrio, per accattivarselo; poi insegue lui che, a sua volta, insegue i due fuggitivi. Quante volte non è così anche nella vita? Tutti si addormentano, tra gli alberi, alla luce della luna. Per una notte, vivono nel loro doppio: non più l'Io ma l'Es. Uscendo dalla notte ciascuno saprà infine cosa vuole, ma avrà avuto bisogno di un sogno per capire se stesso: è un'allegoria del meccanismo psicanalitico. Nella foresta regnano Oberon e Titania. Oberon ordina al folletto Puck di spargere sugli occhi di Demetrio un filtro d'amore, ma Puck sbaglia e lo sparge sugli occhi di Lisandro. Così quest'ultimo si innamora di Elena. I due mondi sono ben distinti: la Corte, regno del Giorno; la Foresta, regno della notte. L'Inconscio, come i filtri magici, agisce soltanto di notte, quando non si è svegli. Il gruppo di artigiani è l'anima comica del testo. Puck fa comparire una testa d'asino al loro capo, Bottom, e Titania si innamora di lui. Non è solo un espediente comico-farsesco; Titania si è invaghita di un animale, carnalità assoluta. Dietro l'amore in tutte le sue forme, spunta il sesso. La pulsione repressa di giorno riemerge di notte. Shakespeare si diverte molto con le prove nella foresta (teatro nel teatro) del gruppo di artigiani rozzi e incolti che, forse per la prima volta, si trovano a recitare. Una parodia del dramma elisabettiano: "Piramo e Tisbe", un dramma d'amore, farsa e tragedia, che pare un "Romeo e Giulietta" dell'antichità. Risulta esilarante ancora oggi. Gli artigiani fanno da ponte tra il mondo fantastico del bosco e quello reale della corte. La recita però non riesce, resta una parodia. Manca la bravura, ma forse anche la magia. Gli attori non riescono a creare l'illusione, il fascino grazie al quale le cose, sulla scena, diventano qualcosa di diverso, il "doppio", la catarsi, il sogno. In quegli anni il Teatro è visto spesso come sogno: pensiamo a Calderòn con "La vida es sueño", a Corneille e alla sua "Illusion comique". Prospero, nella "Tempesta" dirà che siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni. Il mondo vero è quello dei Teseo, degli Egeo. Teseo sposa Ippolita come preda di guerra; Egeo ucciderebbe la figlia pur di farsi obbedire... Il mondo finto, magico, (la foresta di Oberon e Titania, e delle Fate), così come il Teatro, è uno spazio chiuso e concluso, ma risulta più autentico del mondo reale dominato dall'ossessione del potere.
L'isola di ferro
Chiavari
FRAMMENTI : Schegge di Cinema - seconda edizione - In collaborazione con ZUCHERO AMARO L’ISOLA DI FERRO Diretto da Jazireh Ahani Iran 2005, 90 minuti Una comunità di persone al limite della sopravvivenza si stabilisce su una petroliera abbandonata. Geniale racconto metaforico dell’Iran di oggi. Dopo aver visto il film, dite la vostra sul nostro blog: http://dodeskaden.splinder.com Tessera 2007 : 1 euro Ingresso riservato ai soci : 2,50 euro Ricordiamo (per chi non è ancora socio) che la tessera non può essere attivata la sera di proiezione con il biglietto d'ingresso. SI PREGA PERTANTO DI TESSERARSI PRESSO I SEGUENTI LOCALI : VIDEOTECA WONDER VIDEO LE CINEMA Viale Kasman 3, Chiavari. Dal lunedì al sabato 11.00 -13.00 - 16.00 - 20.00 ZUCCHERO AMARO Via Entella 205, Chiavari. Dal lunedì al sabato 09.30 -12.30 - 15.30 - 19.30 Chiuso lunedì mattina.
Indietro



© 2003-2012 Non Solo Tigullio 01782750994 - Il Tigullio dalla @ alla Zeta - Web Design RWD - Leggi il Disclaimer
Chi naviga su questo sito lo fa a proprio rischio e pericolo