Registrati | Persa la password?
Giovedì 29 ottobre 2020, S. Petronio

Consumo di alcol in adolescenza:dialogo a più voci

decemberhttp://www.alcol.nethttp://www.alcolonline.org

BALLARE MA NON SBALLARE
Indagine esplorativa su un campione di adolescenti del Tigullio
Dott.ssa Nicoletta Cinotti, psicologa, psicoterapeuta

La motivazione specifica che ha spinto la nascita di questa indagine sta all’interno del processo di supervisione con gli educatori di un Centro di Aggregazione Giovanile.
Malgrado sia proibito il consumo di bevande alcoliche all’interno del centro, anche una volta maggiorenni, sempre più frequentemente i ragazzi che lo frequentavano riportavano esperienze esterne legate a sostanze alcoliche. Si è così formata l’esigenza di cercare di dare una dimensione al fenomeno e l’idea di collaborare con altre realtà aggregative per poter disporre di un campione più ampio.
L’indagine ha preso in considerazione un campione di 121 adolescenti del Tigullio di età compresa tra i 14 e i 20 anni e frequentanti 4 diverser realtà aggregative.
La partecipazione all’indagine, proposta dagli operatori dei Centri di Aggregazione frequentati dai ragazzi, è stata libera e i questionari erano anonimi.
Il questionario era composto da domande ai ragazzi miranti a valutare la loro opinione nei confronti dell’alcool in generale, la loro definizione di abuso, la loro eventuale contiguità con comportamenti di abuso e le strategie di coping nei confronti dell’abuso stesso. Si concludeva con una domanda che lasciava aperta la possibilità di raccontare qualche episodio specifico.
Circa la metà dei questionari è stata compilata autonomamente dai partecipanti alla ricerca mentre nel restante 50% si è trattata di una vera e propria intervista strutturata condotta dagli educatori del centro frequentato.
Le interviste hanno rilevato, forse potremmo dire confermato, quanto sia importante nel fare educazione e prevenzione, aprire il dialogo e l’ascolto attivo prima di proporre informazioni e/o regole alternative di comportamento. In questo senso luoghi privilegiati della prevenzione sono gli spazi naturali in cui i ragazzi si incontrano, realtà aggregative, ritrovi parrocchiali, centri sociali, scuola. L’indagine ha complessivamente rilevato la necessità di adulti che li aiutino a dare un senso alle loro esperienze quotidiane, persone reali, non modelli, con i quali confrontarsi e costruire una relazione.



© 2003-2012 Non Solo Tigullio 01782750994 - Il Tigullio dalla @ alla Zeta - Web Design RWD - Leggi il Disclaimer
Chi naviga su questo sito lo fa a proprio rischio e pericolo