Registrati | Persa la password?
Domenica 27 settembre 2020, S. Vincenzo de' Paoli

I "BENEFICI" SECONDO IL COMITATO

Il Comitato ha portato i seguenti argomenti dimostrando che i “Benefici” sono “cavalli di troia”, utilizzati per giustificare e massimizzare un intervento di speculazione da parte dei privati (Istituto Sostentamento del Clero ed Immobiliare Lago).

"Nuove aule per il Liceo"

Secondo G.Rotunno: Rappresentano una soluzione al problema degli spazi per il Liceo.

Secondo il Comitato:
Le aule sono previste in aderenza alla struttura dell’Autosilo, in modo da ridurre a soli 7m la distanza tra le pareti del Liceo e l’Autosilo.
Tramite questo “trucco” il progettista riesce a recuperare una striscia di terreno ad uso dell’Autosilo, che moltiplicata per i diversi piani (interrati ed a raso) si traduce in un numero di posti auto di diverse decine.
Se le aule NON fossero state previste in aderenza all’Autosilo, lo stesso sarebbe dovuto essere ad una distanza maggiore, rendendo completamente diverso il progetto.

Incastrare delle aule di una scuola in aderenza ad un Autosilo rappresenta un raggelante primato probabilmente unico in Italia.

Ciò conferma che un Autosilo tra le scuole NON è una scelta di buon senso, prima ancora che errata da un punto di vista urbanistico.


“Posteggi pubblici”

Secondo G.Rotunno: Permettono di eliminare la sosta da Via Milite Ignoto.

Secondo il Comitato:
Sono codificati all’interno del Piano urbanistico Comunale (PUC) (1) come condizione necessaria per poter finalizzare la lottizzazione di Megli e Maggiolo.
La Provincia si è espressa chiaramente richiedendo un miglioramento della viabilità che è stato codificato nel PUC in un totale di 50 posti pubblici quale condizione per la realizzazione delle lottizzazioni di Megli e Maggiolo.
I posteggi pubblici NON sono quindi un “regalo” ma un modo per poter sbloccare un’altra speculazione privata.
Il Comitato fa notare che qualsiasi opera venga a realizzarsi in quell’area l’allargamento del marciapiede e la creazione di posteggi a raso sia un intervento assolutamente condivisibile e dettato in parte, dagli oneri di urbanizzazione.


Per vedere le tavole ufficiali del PUC che rappresentano la lottizzazione di Megli e nella STESSA tavola c'è un riquadro (in basso al centro) con l'Autosilo (che è ha 1.5 KM dalle ipotetiche lottizzazioni!), fate FATE CLICK QUI.
Per vedere un ingrandimento del riquadro, riguardante l'Autosilo, FATE CLICK QUI.


Per leggere le pagine ufficiali del PUC di Recco, riguardanti i Progetti Norma di Megli e Maggiolo, che descrivono questo FATE CLICK QUI E FATE CLICK QUI.

Nota (1): Il PUC, e'attualmente oggetto di tre ricorsi presso il TAR della Liguria.

“Ascensore pubblico”

Secondo G.Rotunno: E’ un beneficio in quanto alternativo alle attuali scale.

Secondo il Comitato:
Poichè le “scalette rosse” poste tra il Liceo e l’Ospedale sono sostituite dalla strada di accesso all' Autosilo, di fatto privata, l'ascensore è necessario per ristabilire il passaggio pedonale altrimenti interrotto.

L'ascensore sarà posto in fondo ad una strada chiusa (accesso all’autosilo) ed è facile prevedere che diventi un luogo poco raccomandabile come già confermato da simili opere a Genova.
NON è un regalo, inoltre sarà sorgente di problemi quando NON funzionante e se affiancato da una scala, questa sarà molto più ripida di quella esistente.
Infine la manutenzione dell’ascensore, in quanto pubblico, sarà pagata da TUTTI i cittadini di Recco, anche quelli che NON lo usano o NON lo hanno voluto.
NON è certo un’opera di interesse pubblico né tanto meno indispensabile, se non per i costruttori dell'Autosilo.

E’ stato detto che è un “opera pubblica”..
Immaginiamo di porre all’ordine del giorno del Consiglio Comunale: “realizzare un ascensore al posto delle scalette rosse”, quale amministratore, nell’interesse di Recco voterebbe questa decisione? Non rappresenta certo una priorità per i cittadini di Recco.


“Marciapiede nuovo e carreggiata più larga”

Secondo G.Rotunno: Permette di migliorare la viabilità, veicolare e pedonale, di via Milite Ignoto.

Secondo il Comitato:
L’allargamento del marciapiede è una normale opera che il privato deve concedere quale onere di urbanizzazione, NON è un regalo.
Il Comitato fa notare che qualsiasi opera venga a realizzarsi in quell’area l’allargamento del marciapiede e la creazione di posteggi a raso sia un intervento assolutamente condivisibile e dettato in parte, dagli oneri di urbanizzazione.
Inoltre il privato riceve in cambio, come codificato dal PUC, la possibilità di aumentare il volume del rustico esistente del 150% per realizzare 4/6 residenze sopra l’Autosilo.

Appartamenti sopra un Autosilo?!!?
Di nuovo un caso unico in Italia e probabilmente al mondo, un altro primato per Recco!

Se per rifare un marciapiede l’Amministrazione pubblica deve concedere una concessione edilizia per un Autosilo da centinaia di posti cosa deve fare per costruire una piscina?

L’allargamento del marciapiede di una limitata porzione di Via Milite Ignoto è utilissimo, anche se va considerato che in quel tratto il marciapiede è già di buona qualità se confrontato con quello in cemento, quasi inesistente presente più avanti dove transitare con un passeggino è impossibile!

CONCLUSIONI

Tutti i precedenti punti sono, fino ad oggi, sempre stati descritti, da parte dell’amministratore pubblico G.Rotunno come “benefici” o "contropartite" per la collettività.
NON esistono i “regali” dei privati, il vero regalo è per i privati pagato dal sacrificio della collettività.

Affermare che esiste un “risparmio” per le casse del Comune è un modo meschino, appartenente ad una sottocultura amministrativa, per mascherare gli interessi dei privati.

NON parliamo più di benefici ma di necessità (e favori ai privati) per poter rendere possibile il progetto dell’Autosilo, con corrispondenti sacrifici per la collettività.

Affermare che i precedenti punti siano benefici rappresenta un falso, chiunque continui a sostenere che la collettività possa trarne giovamento compie un inganno, nei confronti dei Cittadini di Recco.




© 2003-2012 Non Solo Tigullio 01782750994 - Il Tigullio dalla @ alla Zeta - Web Design RWD - Leggi il Disclaimer
Chi naviga su questo sito lo fa a proprio rischio e pericolo