E' online la nuova versione di NonSoloTigullio. se riscontrate anomalie usate la pagina contatti.
Registrati | Persa la password?
Estetista Chiavari
Mercoledì 23 luglio 2014, S. Brigida

Personaggi

Ci sono alcune figure di rilievo delle quali a Casarza si parla con fierezza perché hanno avuto un’influenza positiva nel mondo dove hanno operato, dall’arte alla politica, dalla letteratura alla scienza o allo sport.

Nato a Bargone nel 1818 Agostino Ruscelli fu protagonista del Risorgimento.
Ordinato sacerdote nel 1846, svolse la sua opera soprattutto a Genova, dove fondò la Congregazione delle Suore dell’Immacolata per l’assistenza degli infermi, l’istruzione dei fanciulli e dei giovani, la gestione degli asili infantili e degli orfanotrofi. La Congregazione si diffuse poi in tutta l’Italia e nelle Americhe. Fu proclamato beato nel 1995.

Monsignor Vincenzo Podestà (1836 – 1911) arciprete e viario foraneo a Sestri Levante, era anche scrittore e poeta. Degno di nota è l’amore paterno del dotto Arciprete per i bambini. Con affetto, con cuore e con zelo dettava loro gli esercizi spirituali in preparazione alla prima Comunione. L’asilo infantile, istituito dal marchese Giacomo Balbi, fu consigliato dall’Arciprete. Incrementò la devozione dei Sestresi al “Santo Cristo” e ne promosse le feste centenarie del 1903. Per i suoi meriti e le sue virtù sacerdotali fu nominato Cameriere d’Onore in abito paonazzo di Sua Santità con il mobilissimo titolo di Monsignore.
Egli aveva la nobile passione della letteratura e tradusse e scrisse in prosa opere pregevolissime. Diventò conosciuto in Italia e all’estero per le sue poesie, molte delle quali vennero tradotte oltre che in tedesco, anche in francese e in spagnolo.

Niccolò Sottanis, il medico chirurgo nato in provincia di La Spezia nel 1854, ancora giovanetto si trasferì a Casarza Ligure presso il prevosto don Francesco, suo zio paterno. Nel 1881 fu nominato chirurgo primario degli ospedali di Genova. Per molti anni fu sindaco di Casarza, che governò con senno e rara prudenza. Il dott. Sottanis dette ogni sua cura agli interessi del comune di Casarza, del mandamento di Sestri Levante e della provincia di Genova. In Casarza, nella località “Case Nuove” e precisamente nei locali dell’ex filanda verso il 1907, eresse una Casa di cura per ammalati chirurgici e per convalescenti , della quale era proprietario e direttore. Il flagello della “spagnola” che afflisse l’Italia nel 1918 non risparmiò Casarza, ove i colpiti furono numerosi. Il dott. Sottanis si prodigò in mille modi e cadde vittima del morbo che tentava di vincere negli altri. Morì in Casarza nel 1918.

Lorenzo Gardella, nativo di Recco nel 1857, si stabilì a Casarza Ligure intorno al 1890, dopo aver percorso gli oceani come capitano di lungo corso. Nel 1904 costituì la Società Ligure ramifera con sede in Bargonasco (Casarza Ligure) per la fusione di minerale di rame, produzione di lamiere, barre, profilati e filo per l’industria elettrica. Intorno al 1907 Gardella, primo in Italia, fabbricò a Sestri Levante, su brevetto degli industriali tedeschi Massimo e Rainardo Manesmann, un tubo di acciaio senza saldatura. Al capitano Gardella, pioniere dell’industria mineraria e siderurgica, spetta un altro primato: quello di aver fornito ai comuni di Casarza Ligure e di Sestri Levante, prime tra le altre località della riviera ligure, l’illuminazione privata e pubblica a mezzo elettricità, utilizzando un piccolo salto d’acqua esistente in Bargonasco, potè produrreun discreto quantitativo di energia elettrica. Morì a Recco nel 1908.

Umberto Fracchia (1889 – 1930) l’autore del primo romanzo Liberty italiano si innamorò di Bargone passandovi le vacanze nella casa della nonna. Giornalista, inviato speciale, critico letterario e fondatore nel ’25 della rivista ‘Fiera Letteraria’, nel ’28 decideva di diventare “campagnolo” e trasferirsi a Bargone dove scrisse i suoi ultimi romanzi ricchi di riferimenti al paese di adozione.
A Fracchia è intitolata la Biblioteca Comunale dove si conserva anche il prezioso fondo librario lasciato dalla moglie all’Università di Genova, tenuto ora in gestione dal Comune di Casarza.

Alfredo Obertello nasce a Bargone nel 1904. L’attività di ricerca, di insegnamento e di pubblicista del prof. Alfredo Obertello si rivolse ad un ampio ventaglio di interessi e di tematiche. Si laurea a Genova nel 1927 e appena un anno dopo è chiamato dall’Università di Glasgow a ricoprire il posto di Assistant Lecturer. Scrive articoli su riviste e giornali italiani. Nel 1933 chiamato all’Università di Cardiff, fonda e dirige una Section of Italian Studies presso il Department of French and Romance Filology. Nel 1950 la Facoltà di Lettere e Filosofia di Genova gli conferisce l’incarico dell’insegnamento di Lingua e Letteratura Inglese. Dal 1960 al 1966 è chiamato alla direzione dell’Istituto Universitario di Magistero di Genova, di cui rinnova i programmi e amplia la sede. Nell’ultima parte della sua vita privilegia l’attività di scrittore dando il meglio di sé in scritti dedicati a figure tipiche di paese, uomini, donne resi con scorci rapidi e note ricche d’interiorità. Muore a Chiavari all’età di 93 anni.

Il professor Giovanni Peri altro illustre concittadino è scomparso da poco lasciando un gran vuoto nel mondo scientifico. Direttore per 11 anni del laboratorio sperimentale di ricerche psicologiche del Centro Auxologico Italiano, insegnava Psicologia dell’Età Evolutiva alla Cattolica di Milano. Scrisse testi scientifici e fu una figura imponente nel suo campo; ha insegnato ai giovani a non rinnegare il passato costruito con le mani e con il sudore bensì a farne tesoro.

Chessifa stasera?

Gli eventi di...

Il sito di oggi...

Invia a un amico

Segnala il tuo sito




© 2003-2012 Non Solo Tigullio 01782750994 - Il Tigullio dalla @ alla Zeta - Web Design RWD - Leggi il Disclaimer
Chi naviga su questo sito lo fa a proprio rischio e pericolo