E' online la nuova versione di NonSoloTigullio. se riscontrate anomalie usate la pagina contatti.
Registrati | Persa la password?
Estetista Chiavari
Mercoledì 20 agosto 2014, S. Bernardo

Quando i parcheggi sono intelligenti

Quando i parcheggi sono intelligenti

marzo 2012
Ci piace!
Quando la tecnologia avanzata è al servizio della civiltà e dei diritti delle persone disabili, il connubio funziona.

Ne è un esempio con la nuova gestione elettronica dei parcheggi riservati a Sestri Levante, in piazza Bo,
dove i nuovi posteggi "intelligenti" sono stati inaugurati - dopo tre mesi di test, tutti positivi, sul sistema -
pochi giorni fa, nell'ultima settimana di marzo.

I posteggi sono stati realizzati nel progetto finanziato dalla Provincia con 36.000 euro d'intesa
con Comune, Atp, Consulta regionale per i diritti della persona handicappata
e Consulta comunale e provinciale per i problemi delle persone con handicap.

Due posteggi riservati alle persone disabili in piazza Bo sono stati dotati di un sensore radio interrato
che rileva se il parcheggio è libero oppure occupato e la presenza o meno, sul veicolo posteggiato negli spazi riservati,
di un apposito lettore elettronico associato al permesso di parcheggio.

Il sensore, attraverso un accesso elettronico del parcometro più vicino,
trasmette al centro di controllo la situazione degli spazi riservati ai veicoli delle persone disabili,
verificabile via web in tempo reale, e consente anche di controllare costantemente
l'uso corretto di questi parcheggi, sanzionando eventuali abusi.

L'obiettivo, a detta di chi sostenuto il progetto, è non solo quello
di garantire il diritto alla mobilità delle persone portatrici di handicap,
ma anche estendere la sperimentazione ad altri Comuni.

Inserisci commento

Commento anonimo
(La tua email non verrà resa pubblica).

Chessifa stasera?

Gli eventi di...

Segnala il tuo sito


Il sito di oggi...



© 2003-2012 Non Solo Tigullio 01782750994 - Il Tigullio dalla @ alla Zeta - Web Design RWD - Leggi il Disclaimer
Chi naviga su questo sito lo fa a proprio rischio e pericolo